Lettera del presidente

Signori Stakeholder,

In uno dei periodi storicamente ed economicamente più difficili mai affrontati vogliamo presentare il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo El.En. dando l’opportunità a tutti di valutare l’impegno, gli obiettivi e i risultati che abbiamo ottenuto in questo anno difficilissimo, a testimonianza della solidità delle nostre strutture tecniche, finanziarie ed operative.

Il Gruppo El.En. ha dimostrato la capacità di resistere con determinazione a condizioni avverse senza sacrificare le potenzialità di crescita futura, mantenendo inalterati i propri piani di sviluppo grazie alla solidità del suo modello di business, orientato alla crescita sostenibile di medio-lungo periodo. Nella prima parte dell’anno abbiamo subito la chiusura delle attività cinesi ed in particolare di quelle con sede a Wuhan, mentre nel secondo trimestre sono state le attività italiane ed europee a soffrire dei provvedimenti restrittivi nel mondo occidentale e dei loro effetti sui mercati di sbocco; nel terzo trimestre siamo ritornati a volumi di affari in crescita, pur con andamenti non uniformi e differenziati tra le varie aree geografiche e segmenti di mercato ed infine nell’ultima parte dell’anno i risultati consolidati sono stati ottimi, con settori trainanti ed altri in maggior difficoltà, ed il Gruppo ha acquisito nuovamente il ritmo di crescita e di redditività che ci attendevamo all’inizio dell’anno. Tutte le società controllate hanno adottato fin dall’inizio del diffondersi della pandemia protocolli di sicurezza atti a preservare la salute dei dipendenti per consentire di recarsi sul luogo di lavoro con tranquillità ed è stato estesamente adottato lo smart working. La situazione di emergenza ha fatto sì che la nostra prima priorità divenisse quella di proteggere i dipendenti garantendo lo svolgimento delle attività: tutt’oggi le procedure di sicurezza sono in vigore secondo protocolli concordati e periodicamente aggiornati.

Anche nell’anno della pandemia abbiamo continuato a creare occupazione, aumentando del 9% il numero di persone che lavorano con noi nel mondo: una crescita importante non solo a livello numerico ma che vuole lanciare un segnale ben preciso di solidità e sicurezza. Nel corso dell'anno non ci siamo fermati neanche dal punto di vista della formazione: abbiamo continuato a promuovere la diffusione ed il consolidamento dell’etica e dei valori del Gruppo in tutte le società controllate e incrementato le ore di training tecnico e formativo, svolte per la maggior parte da remoto, per promuovere la crescita personale e professionale di tutti i dipendenti.

Il fulcro della nostra strategia resta il costante impegno nell’attività di ricerca e sviluppo che rappresenta l’essenza stessa del nostro Gruppo: un impegno sia da un punto di vista tecnico, finalizzato al lancio di nuovi prodotti, sia per quanto riguarda la parte documentale e clinica per l’ottenimento delle certificazioni necessarie alla vendita dei sistemi medicali in tutto il mondo. Abbiamo lavorato costantemente da un lato alle sperimentazioni cliniche con centri medici e ospedali, e dall’altro con strutture dedicate al cosiddetto Regulatory, un procedimento piuttosto complesso ma indispensabile per lanciare sul mercato i nostri sistemi innovativi. Il difficile contesto non ha influenzato la nostra capacità di innovare e l’attrattività della gamma dei prodotti che abbiamo continuato ad ampliare, confermando così il solido posizionamento competitivo del Gruppo e la sua grande capacità di differenziarsi sui mercati con innovazioni tecniche ed applicative.

Il lancio di nuovi prodotti costituisce uno dei punti di forza della nostra strategia: nel settore industriale quest’anno abbiamo introdotto sistemi con potenza di taglio laser fino a 30kW mentre nel settore medicale sono stati lanciati nella seconda metà dell’anno il nuovo sistema Again per la depilazione, il sistema Schwarzy che ha introdotto la tecnologia dei campi magnetici ad alta intensità per il body countoring e la tecnologia q-switched è stata configurata al massimo delle sue potenzialità per trattare le lesioni pigmentate e vascolari con la massima efficacia.

In alcune società abbiamo proseguito gli investimenti per l’ampliamento delle strutture produttive, per la maggior parte già completate negli scorsi anni: durante la pandemia abbiamo portato a termine i lavori della controllata tedesca Asclepion e della sede di Lasit a Torre Annunziata, proseguito gli interventi all’interno del Polo produttivo di Calenzano, terminato la terza unità produttiva cinese locata nella città di Lin Yi e realizzato il secondo stabilimento della controllata cinese a Wenzhou. Gli interventi sono stati effettuati anche assicurando una elevata efficienza energetica e pensati con l’obiettivo di innalzare la qualità della vita lavorativa: siamo infatti convinti che lavorare in un ambiente costruito su misura promuova un maggior spirito di appartenenza ed è per questo che abbiamo deciso di dedicare ampi spazi al benessere delle persone, per affiancare al percorso formativo e di carriera un investimento che porti alla creazione di un ambiente di lavoro energico ed appagante, che stimoli il lavoro di squadra. Nello stabilimento della Capogruppo El.En. sono stati inoltre installati impianti per la produzione di schede elettroniche prototipali e di piccola serie e per la prototipazione rapida di particolari meccanici ed è stato completato l’attrezzaggio della nuova linea di produzione delle sorgenti sigillate di media potenza per applicazioni nel settore manifatturiero, tutti investimenti che rientrano nelle agevolazioni per l’industria 4.0. Queste sono solo le prime di una serie di innovazioni che nei prossimi anni trasformeranno i nostri stabilimenti: sempre più il mix tecnologico di robotica, sensori ed interconnessioni alla rete modificherà la gestione dell’azienda e dei modelli produttivi per come li conosciamo oggi e la fabbrica perderà il suo concetto di immobilità e di fisicità grazie alla condivisione di dati anche da remoto, sfruttando le opportunità dei big data e dell’Internet of things. Vogliamo che questa trasformazione sia una realtà tangibile per il Gruppo El.En. e che prosegua nei prossimi anni all’interno di tutti gli stabilimenti produttivi. La discontinuità provocata dalla pandemia ha fatto sì che tutte le funzioni, per continuare a lavorare senza interruzioni, si siano avvalse di mezzi di comunicazione virtuale, in particolare quelle commerciali e di marketing, al fine di mantenere attive le relazioni con i clienti: in un momento drammatico come quello attuale, in cui le attività di vendita continuano ad essere ostacolate dalle restrizioni a viaggiare, la nostra filosofia è rimasta quella di essere vicino ai clienti, tramite telefono piuttosto che tramite strumenti innovativi come i virtual booth, gli webinar e le live chat. Fra i vari impatti generati dalla pandemia sui modelli aziendali del Gruppo c'è sicuramente la forte spinta a puntare ancora di più sui canali di comunicazione diretta, più vicini alla costruzione di un rapporto umano e personale con ogni cliente, anche a distanza. 

La crisi sanitaria ed economica ha generato significativi cambiamenti nelle nostre relazioni commerciali, accelerando il nostro processo di trasformazione digitale in tutte le società, chiamate oggi a ripensare modelli e a rivedere le strategie di gestione delle proprie risorse.

Il nostro impegno nel fare impresa ha continuato ad esprimersi anche attraverso iniziative a favore della comunità: ogni giorno lavoriamo per produrre un impatto positivo nella vita delle persone e, con alcuni progetti mirati, doniamo le nostre competenze e i nostri strumenti ad organizzazioni no-profit, fondazioni o laboratori scientifici d'avanguardia, al servizio della salute del paziente così come nella conservazione e nel restauro dei beni culturali. Le aziende del Gruppo sono inoltre molto legate ai territori in cui operano e quest’anno più che mai si sono impegnate per essere vicine anche attraverso la partecipazione ad iniziative di solidarietà per l’emergenza sanitaria mondiale oltre che con il sostegno ad iniziative di tipo culturale, sociale ed educativo attraverso sponsorizzazioni, partecipazioni ad associazioni ma anche continuando a promuovere progetti di alternanza scuola lavoro, stage e tirocini. Sono orgoglioso di affermare che nonostante questo difficile scenario, i risultati che abbiamo ottenuto ci confermano ancora una volta la solidità del nostro modello di business che ci ha permesso di assorbire i contraccolpi di un lockdown durato mesi e di reagire prontamente, rimanendo concentrati e mettendo in atto tutte le azioni necessarie per cogliere nella maniera più efficace la prossima ripresa.

Quest’anno, malgrado i fattori pandemici, è stato per noi un esercizio di crescita e consolidamento delle posizioni competitive su scala globale, a testimonianza della capacità di proseguire il percorso di sviluppo sostenibile, fattore differenziale di successo e per il quale negli ultimi anni abbiamo effettuato investimenti per ampliare le strutture logistiche e le principali funzioni operative, coniugando la crescita economica e la solidità finanziaria con i principi di sostenibilità sociale ed ambientale, per rappresentare un modello di eccellenza. Infine vorrei sottolineare come tutto questo sia stato possibile anche grazie alla confermata fiducia nel Gruppo da parte di tutti i nostri stakeholder, che ci ha permesso di operare con efficacia e continuità.

Il Presidente

Gabriele Clementi